Le operazioni di salvataggio dopo la piena del torrente Raganello
CRONACA

Tragedia del torrente Raganello, tra gli indagati anche tre sindaci

La Procura di Castrovillari (Cosenza) ha emesso sette informazioni di garanzia nell'ambito dell'inchiesta sulla tragedia delle gole del torrente Raganello a Civita, che il 20 agosto scorso ha provocato la morte a causa della piena di dieci escursionisti.

Si tratta dei sindaci di Civita, San Lorenzo Bellizzi e Cerchiara di Calabria (Alessandro Tocci, Antonio Cersosimo e Antonio Carlomagno), il presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, Gaetano Gorpia, dirigente dell'ufficio Biodiversità dei Carabinieri Forestali, e le guide escursionistiche Giovanni Vancieri e Marco Massaro.

Gli avvisi sono stati emessi "in considerazione degli atti istruttori irripetibili che devono essere effettuati. È doveroso che la giustizia dia una risposta rapida", ha dichiarato il procuratore Eugenio Facciolla, che ha incontrato consulenti tecnici e polizia giudiziaria per fare il punto delle indagini.

L'area in cui è avvenuta la tragedia è stata posta sotto sequestro probatorio.

(Unioneonline/F)

Dieci le vittime della piena del Raganello, sul Pollino: le ballerine indivisibili, Miryam Mezzolla e Claudia Giampietro
Gianfranco Fumarola, l'agente di Polizia penitenziaria che ha salvato i figli e poi è morto
Antonio Santopaolo e la moglie Carmen Tammaro
Paola Romagnoli, 55enne ricercatrice universitaria
Giovanni Sarnataro, portato in salvo e ricoverato in codice giallo, con la moglie Maria Immacolata Marrazzo, morta
Antonio De Rasis, il volontario della Protezione Civile