La principessa Maria Gabriella di Savoia durante una tappa della sua visita
CRONACA

La principessa Maria Gabriella di Savoia visita la Gallura

Il fascino della Gallura e della sua storia strega la principessa Maria Gabriella di Savoia, la terza figlia, seconda femmina, dell’ultimo re d’Italia Umberto II e della regina Maria Josè.

Una visita nella Sardegna dell’interno sulla orme della sua reale famiglia.

"La mia famiglia era molto legata alla Sardegna - ha detto la principessa - un forte legame ci unisce all’Isola da tempi immemorabili. Tutti la portiamo nel cuore".

Un tour in tre luoghi simbolo di una delle zone più bella dell’Isola.

In vacanza in Costa Smeralda, la Principessa, su invito dell’avvocato Renzo Persico, presidente del Consorzio Costa Smeralda e motore di iniziative internazionali che promuovono la Costa Smeralda nel mondo, ha potuto visitare il nuraghe la Prisgiona di Arzachena, mentre a Luras è stata accompagnata nel sito degli olivastri millenari e nella sede municipale.

Alla fine, Tempio e l’incontro istituzionale in Comune con il sindaco Andrea Biancareddu.

La principessa in compagnia di Milena Maffei

L’archeologa Angela Antona ha fatto da cicerone per la visita guidata al sito nuragico di Arzachena, accolta dal vicesindaco Cristina Usai e dall’assessore Gabriella Demuro che l’hanno omaggiata di pubblicazioni e dello stemma del Comune.

Il corteo delle Bentley organizzato dal presidente Persico ha poi fatto tappa a Luras per la visita agli olivastri millenari dove era attesa dal vicesindaco Mauro Azzena e dalla guida specializzata Daniela Depperu.

La principessa Maria Gabriella si è commossa quando, davanti alla monumentale pianta, Pier Paolo Cabras, lurese doc, le ha regalato la foto del seppellimento della regina madre, Maria Josè, dove erano ben visibili tutti i componenti della famiglia reale e lo stesso Cabras incaricato di trasportare la bara assieme agli altri cinque componenti della Guardia d’Onore del Pantheon.

La visita della principessa

"L’emozione più forte l’ho provata quando il signor Cabras - ha spiegato la principessa - mi ha mostrato la fotografia delle esequie di mia madre dicendomi che aveva portato della terra su cui questo ulivo millenario era nato. Poi, ho avuto una grande gioia quando sono entrata nella sala consiliare di Tempio e il sindaco mi ha mostrato la targa ricordo con i nomi dei miei genitori. È stato un viaggio denso di storia, unicità ambientali, bellezza, calore umano, sentimenti ed emozioni che mi hanno toccato il cuore".

Dopo gli olivastri millenari, la principessa si è intrattenuta nella Casa comunale dove il vicesindaco Azzena le ha consegnato dei fiori e lo stemma del Comune.

In compagnia di Angela Antona

Il breve ma emozionante tour si è chiuso a Tempio dove la principessa è stata ricevuta dal sindaco Andrea Biancareddu e dallo storico Guido Rombi nel salone di rappresentanza in pieno stile sabaudo.

Il professor Rombi le ha raccontato alcuni aneddoti sulle diverse visite della famiglia Savoia in città con gustose chicche sulla storia locale e su vicende legate alle intraprese reali. Il sindaco le ha donato alcune pubblicazioni rappresentative e lo stemma del Comune.

La principessa Maria Gabriella ha manifestato a tutti i suoi interlocutori il suo amore per la Sardegna e per il suo popolo.

Nel tour con lei, anche Giovanni Rondanini che si occupa della "Fondazione Umberto II e Maria Josè" e l’amica Milena Maffei, personalità illustre della Costa Smeralda e grande conoscitrice della storia della Casa Reale.

L.P.

***

LA GALLERY:

La principessa Maria Gabriella di Savoia visita la Gallura
Si tratta di un ritorno nell'Isola per la terza figlia dell'ultimo re d'Itlia Umberto II
Da sinistra: Giovanni Rondanini, Renzo Persico, Pierpaolo Cabras, Angela Antona e Milena Maffei
"La mia famiglia era molto legata alla Sardegna", ha detto la principessa
Per lei un tour in tre luoghi simbolo di una delle zone più bella dell’Isola
Al nuraghe la Prisgiona di Arzachena
In compagnia di Angela Antona
In posa con Milena Maffei
Qui in compagnia anche di Giovanni Rondanini
A Luras è stata accompagnata nel sito degli olivastri millenari
Insieme a Andrea Biancareddu, sindaco di Tempio
Con Mauro Azzena, il vicesindaco di Luras
La principessa si è anche commossa